Sito Educanes    Blog Educanes
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiStaffAccedi

Condividi | 
 

 LITIGI TRA CANI: esperienze e soluzioni

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Linda Covato
Staff
Staff
avatar

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 24.11.09
Età : 33
Località : Roma

MessaggioTitolo: LITIGI TRA CANI: esperienze e soluzioni   Mer 25 Nov - 14:01

Qualche giorno fa al parco della Caffarella abbiamo conosciuto Santiago, un Bullmastiff di 70 kg (molossoide da guardia). Il cane si è dimostrato da subito docile e diponibile al gioco nonché alla manipolazione. Tuttavia il padrone ha manifestato alcune difficoltà nel richiamo, specialmente in caso di distrazione del cane. La sua difficoltà è aumentata nel momento in cui è scaturito un litigio con un meticcio di piccola taglia, Pongo, che diversamente da Santiago, non è assolutamente socievole con gli altri cani, specialmente maschi, tanto più se di grosse dimensioni, piuttosto ne ha paura.
Questa scena è piuttosto comune: un cane di grosse dimensioni litiga con un cane molto più piccolo di lui. Quali possono essere le ragioni per cui i cani reagiscono in questo modo? Cosa possiamo fare per prevenire una rissa tra cani o per arginarla?
Nel caso di Santiago, è evidente che ha la forza fisica dalla sua parte. Tuttavia, per il suo carattere fondamentalmente docile e controllato, in genere non mostra atteggiamenti aggressivi o dominanti. Quanto a Pongo, invece, è un cane piccolo, anziano, che alle spalle ha un passato in canile, e che non si allontana mai dalla padrona più di due metri. E' molto insicuro e sulla difensiva e questo comportamento non è mai stato arginato o rieducato, ma solo evitato, allontanando Pongo dagli altri maschi con cui potesse litigare.
Quando Santiago giocando con altri cani, si è avvicinato inavvertitamente a Pongo, questo ha cominciato a ringhiargli contro e a cercare di attaccarlo alla gola. Santiago cercava di allontanarsi, mostrando chiari segnali di calma, che Pongo non notava; fintanto che Santiago, esasperato, ha dominato sovrastandolo Pongo, che impaurito ha morso la guancia dell'enorme bullmastiff, il quale ha reagito a sua volta afferrando con la bocca la testa di Pongo. Non lo ha morso, per fortuna, ma solo stretto, ringhiando, quel tanto che bastava per staccarselo dal muso. A questo punto il padrone di Santiago ha preso il suo cane dal collare per allontanarlo. Noi ci siamo messi in mezzo tra i due cani per dare un segnale di calma a entrambi,e allontanare Pongo che non accennava a cedere, ma che poi è tornato dalla sua padrona impaurito, ma allo stesso tempo "fiero del suo operato".

I cani, quando sono in situazione di disagio, ansia, o stress, lo manifestano, appunto, con i segnali di calma, come voltarsi, sedersi, allontanarsi, stendersi, ecc... noi padroni dobbiamo osservare questo linguaggio, che è molto utile per prevenire litigi come quello tra Santiago e Pongo.
Quando due o più cani mostrano segnali di disaccordo, insofferenza reciproca e c'è il rischio di un litigio, o ancora, se la rissa è già scoppiata, la cosa migliore da fare per il padrone è allontanarsi dai cani che litigano e richiamare, centripetando ognuno il proprio cane. I cani, come le persone litigano ed è giusto che (se non ci sono gravi casi di aggressione) risolvano da soli i loro litigi. Se i padroni si avvicinano, cercando di separare i due animali, questi aumentano il loro stato di ansia e agitazione, quindi anche di aggressività, perché così oltre che sé stessi devono difendere anche un altro membro della famiglia. Questo non deve accadere, quindi ci si allontana e si richiama il proprio cane centripetando, o con un ricalco/guida, attirando quindi la sua attenzione su di noi. Se temiamo che il nostro cane sia stato morso o ferito, si fa un rapido check, e se non troviamo nulla di preoccupante, coninuiamo a giocare o a passeggiare, a tenere occupato il nostro cane. Se subito dopo un litigio con un suo simile portiamo via il nostro cane, non facciamo che creare un trauma, che diventerà un precedente per le occasioni future: nel migliore dei casi litigherà sempre con il cane con cui ha già litigato, ma potrebbe anche diventare aggressivo o timoroso con i cani in genere, fino a, per arrivare all'estremo, non voler più andare al parco.

Ecco perchè per un padrone è fondamentale conoscere l'importanza dei segnali di calma oltre che l'efficacia di un buon richiamo. Il cane deve essere stimolato a tornare. E' assurdo pensare che un cane debba tornare da noi solo perché glielo chiediamo, ed è ancora più assurdo sgridarlo se non lo fa. Se il nostro richiamo sarà meno interessante dell'erba profumata, o del cane con cui sta giocando, il nostro cane non tornerà da noi. Quindi per un buon richiamo possiamo usare dei bocconcini molto odorosi, o un gioco che faccia rumore, o iniziare a correre con il nostro cane per attirare la sua attenzione fino a farci seguire (ricalco/guida e centripetazione).
In questo modo avremo maggiore probabilità che il nostro cane ritorni quando ce ne sia il bisogno, e con lui si instaurerà un rapporto di collaborazione e fiducia.

Stefano, Linda, Ashir
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Admin
Fondatore
Fondatore
avatar

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 24.10.09
Età : 37
Località : Ciampino

MessaggioTitolo: Re: LITIGI TRA CANI: esperienze e soluzioni   Gio 26 Nov - 4:37

Like a Star @ heaven ottimi consigli ragazzi, da seguire alla lettera! Like a Star @ heaven
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://anitab.altervista.org
Linda Covato
Staff
Staff
avatar

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 24.11.09
Età : 33
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: LITIGI TRA CANI: esperienze e soluzioni   Gio 26 Nov - 10:03

Grazie mille! sempre attenti e precisi!Un bacione! flower
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: LITIGI TRA CANI: esperienze e soluzioni   

Torna in alto Andare in basso
 
LITIGI TRA CANI: esperienze e soluzioni
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» esperienze personali di rischio
» per chi ha cani, vive nel bresciano e va a fare passeggiate in montagna: attenzione
» Il mio anno all'estero.Esperienze mai raccontate.[1]
» VOSTRI CONSIGLI E ESPERIENZE: PRESENTATRICE YVES ROCHES SI' O NO?
» Esperienze nell'apprendimento della lingua svedese

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Educanes :: Educatore Cinofilo di Roma :: Approccio cognitivo zooantropologico :: Esperienze-
Vai verso: